“La salute non è in vendita”. Autoinchiesta in piazza.

La Consultoria TransFemminista Queer aderisce alla mobilitazione “La salute non è in vendita”, in occasione della giornata mondiale della salute, domani venerdì 7 aprile ore 17:00 in Piazza Re Enzo. Link evento qui.

Siamo uno spazio dove poter discutere in modo orizzontale di sesso, di emozioni, di salute, di come stiamo, delle relazioni tra i generi e di come (dis)educarci alle differenze, alle identità gerarchizzate e naturalizzate. In opposizione allo smantellamento del servizio pubblico e alla privatizzazione del sistema sanitario, portiamo avanti idee e pratiche alternative a sostegno della salute. 
La salute non è un servizio o uno stato medico, ma benessere sociale. Per questo la Consultoria si propone come un luogo di autorganizzazione in cui occuparci della nostra salute e dei nostri corpi a partire dal piacere, dal desiderio e dalla tra(n)sformazione e non dalla malattia e dalla “funzionalità” da ripristinare o dal controllo biomedico dei corpi e della riproduzione.
Riteniamo necessario indagare la relazione tra genere, sessualità e salute in modo da organizzare la lotta per servizi sanitari efficienti per tuttu e non più basati sull’eterosessualità e sulla maternità obbligatorie. Perché siamo stufe di medici obiettori, di chi colpevolizza chi vuole abortire o prendere la pillola del giorno dopo; stufe di un sistema che infantilizza le/i trans e stigmatizza le malattie sessualmente trasmissibili.
Vogliamo potere parlare e agire liberamente su tutti questi temi a partire dai nostri bisogni, a fianco delle lavoratrici e dei lavoratori del sistema sanitario pubblico che assieme a noi vogliono trasformarlo per difenderlo. Contro un modello neoliberale che limita l’accesso a pochi privilegiati, che cristallizza i nostri generi e la nostra sessualità, che danneggia la nostra vita, la nostra salute e la nostra favolosità.
Con il sistema sanitario pubblico, anche noi abbiamo subito la violenza e l’ipocrisia di questo processo di distruzione del welfare. Lo sgombero che abbiamo subito dimostra che amministrazione e forze dell’ordine non vogliono che frocie, trans, lesbiche e queer si autorganizzino in spazi collettivi di confronto e di elaborazioni di pratiche per la liberazione dei nostri corpi.
Ma abbiamo deciso di non fermarci e di stare unitu nella lotta per il diritto alla salute. Per questo motivo invitiamo tuttu a partecipare alla Consultoria TransFemminista Queer in piazza con il laboratorio di autoinchiesta sulla salute – un modo per dare voce pubblicamente e liberamente ai propri bisogni e al proprio benessere.

La Consultoria TFQ non si ferma con uno sgombero!

Nella mattinata di oggi, venerdì 10 marzo, il consiglio comunale e metropolitano si riunisce in “seduta solenne” per la Giornata Internazionale della Donna.

Lo sgombero della Consultoria TransFemminista Queer avvenuto all’alba proprio il giorno dopo LottoMarzo, mentre avevamo ancora addosso il nero e il fucsia del corteo, mostra in maniera lampante che le retoriche istituzionali sulle pari opportunità, differenze di genere e contrasto alle discriminazioni sono vuote e strumentali. Questa giunta che ha la faccia tosta di definirsi femminista e la cui assessora alle pari opportunità ha aderito allo sciopero delle donne, ha gestito lo sgombero come una mera pratica burocratica. Di fatto, quella che non viene tollerata è l’autogestione che le femministe e le transfemministe e le froce possono praticare.

Ma l’autogestione transfemminista queer e lo sciopero dai generi non finiscono con uno sgombero. La condivisione di uno spazio ci ha permesso in soli 4 giorni di trasformare quelli che sembravano bisogni ed esigenze individuali in un progetto collettivo.

Rifiutiamo il ricatto delle istituzioni per cui chi non sta sotto il loro controllo e tutela viene annientato. Resistiamo in autogestione insieme a tutte le realtà sotto attacco a partire da XM24 fino alle occupazioni abitative.

Vogliamo consultorie transfemministe queer libere e autogestite ovunque!

Invitiamo tutte tutti e tuttu le solidali e le complici a venire con noi

:: ore 9.30 Favolosa Colazione Ribelle in via Menarini 1/(punto)G

:: ore 10.30 Concentramento e partenza della biciclettata transfemminista queer verso Piazza Maggiore

:: ore 11.30 Cacerolaza e varie rumorose interferenze sotto Palazzo d’Accursio (porta posate&padelle)

The day After: Consultoria Transfemminista Queer sgomberata la mattina dopo LottoMarzo

Dopo quattro giorni di favolosa autogestione, la Consultoria Transfemminista Queer è stata sgomberata dalle forze dell’ordine e i locali di via Menarini sono stati riconsegnati alla polvere. Ma il percorso continua.

La Consultoria Transfemminista Queer ha materializzato negli ultimi quattro giorni la necessità collettiva di spazi di confronto, di elaborazione di pratiche per la liberazione delle donne, frocie, trans*, lesbiche e queer. L’autoinchiesta sulla salute come benessere sociale, piacere, consenso e desiderio aveva trovato una casa favolosa in via Menarini 1 Punto G. A partire dai bisogni materiali emersi dalle tante soggettività presenti nell’assemblea del 28 febbraio al Consultorio di Sant’Isaia, attraversando le strade del 4 Marzo in difesa di XM24 e dell’autogestione, abbiamo occupato uno spazio per lo Sciopero dai Generi permanente. Abbiamo trasformato un luogo abbandonato da anni in una Consultoria attraversata da centinaia di persone e accolta con calore anche dal quartiere e dai condomini.

Come parte di Non Una di Meno, abbiamo contribuito negli ultimi mesi alla costruzione dello sciopero globale contro la violenza maschile sulle donne, contro la violenza di genere e dei generi, e ai due incontri nazionali di Roma e Bologna, in cui insieme a migliaia di altre realtà e singole stiamo scrivendo il Piano femminista contro la violenza maschile.

L’occupazione e l’autogestione sono la nostra forma di sciopero: in questi quattro giorni non abbiamo rispettato le scadenze, non abbiamo mandato curricula, abbiamo rubato tempo ed energia ai nostri lavori precari, abbiamo sperimentato la rottura della quotidianità regolata dai tempi del lavoro e del consumo; attraverso le forme assembleari orizzontali, la caratterizzazione della safety di uno spazio costruito a misura dei nostri desideri, la condivisione di saperi pratici, di esperienze “a partire da sé”, abbiamo organizzato in autonomia la lotta contro la violenza di genere e del genere e la resistenza collettiva al maschile egemonico. Per quattro giorni almeno abbiamo sperimentato la rottura dell’ordine eterosessuale obbligatorio e la sovversione delle gerarchie di genere.

Lo sciopero per noi quindi non è stato solamente una sottrazione ma la creazione di nuove infrastrutture per sostenere le nostre forme di vita e di lotta non solo per un giorno. Nella Consultoria abbiamo cospirato per creare strumenti collettivi come l’autoinchiesta che abbiamo portato in piazza la mattina de LottoMarzo (che ha coinvolto un centinaio di persone di tutte le età e fatto emergere un desiderio fortissimo di riappropriarsi del discorso sulla salute, sul piacere, sul corpo) e abbiamo messo a disposizione di tuttu uno spazio di organizzazione per il partecipatissimo corteo serale animato da piu di 15.000 donne, lesbiche, froce e trans.

In altre città in occasione dello sciopero sono state organizzate assemblee nei consultori pubblici, e a Napoli la Laboratoria Transfemminista Transpecie Terrona ha occupato uno spazio nel centro della città.

Lo sgombero della Consultoria, avvenuto all’alba proprio il giorno dopo l’8 marzo, mentre avevamo ancora addosso il nero e il fucsia del corteo, mostra in maniera lampante che le retoriche di inclusività, pari opportunità e contrasto alla violenza contro le donne e alle discriminazioni messa in campo dalle istituzioni di questa città è totalmente vuota e strumentale.

Uno sgombero gestito come una pratica burocratica da una giunta che ha la faccia tosta di definirsi femminista e la cui assessora alle pari opportunità ha aderito allo sciopero, per poi non proferire parola e non assumersene alcuna responsabilità politica. Di fatto quella che non viene tollerata è l’autogestione che le femministe e le transfemministe e le froce possono praticare.

Ma l’autogestione transfemminista queer e lo sciopero dai generi non finiscono con uno sgombero. La condivisione di uno spazio ci ha permesso in soli 4 giorni di trasformare quelli che sembravano bisogni ed esigenze individuali in una programmazione collettiva che si metterà a punto a partire da stasera con una assemblea pubblica al centro delle donne di via del Piombo alle ore 21 alla quale siete tutt* invitat*.

Lottomarzo alla consultoria

7.30 – 9.00 favolosa colazione ribelle alla Consultoria
9.00 partenza verso la piazza del #Lottomarzo9.30 -14 Lotto Marzo a Bologna: Sciopero globale delle donne in Piazza Maggiore
:: accoglienza delle scioperanti ::
Accanto al palco sarà installato un banchetto per permettere alle lavoratrici di segnarsi in modo da continuare la mappatura dello sciopero.

dalle 10.00
:: presentazione del percorso #NonUnadiMeno
:: 8 punti per l’8 marzo: il piano nazionale femminista contro la violenza
:: la dimensione globale dello sciopero

A seguire: interventi delle lavoratrici per ogni tema degli 8 punti, microfono aperto intervallato da momenti performativi. Con traduzione in lingua dei segni.

dalle 11.30
* le lezioni aperte (dal nido all’università)
* consultoria transfemminista queer
* la processione sacra vulva
* spazio bimbe/i

POMERIGGIO alla Consultoria Transfemminista Queer!

14.00 – 17.30
:: Favolosa merenda ribelle. Zona (ri)creativa per prepararci al Corteo Notturno con musica, bibite, chiacchiere e prove della favolosa corale, serigrafia, punto svacco&slogan (invenzione di cori e slogan per il corteo), angolo lettura (scambio di fanzine, libri e materiali autoprodotti)
:: 17.30 partenza verso la piazza con i cartelli e il materiale della Consultoria

18.00
:: CORTEO NOTTURNO da Piazza Maggiore a Piazza dell’Unità ::

* processione della Sacra Vulva
* cacerolazo: porta pentole, padelle e cucchiai!
* interventi lungo il percorso
* favolosa corale e sfertility game

Programmazione della consultoria 9-12 marzo e oltre

Tutti i giorni, ore 7-9: favolosa colazione

Tutti i giorni, tutto il giorno: infoshop su sessualità, piaceri, precarietà, autogestione della salute con libri e materiali autoprodotti dalle consultorie queer nel mondo.

Continua la sistemazione, l’allestimento e l’arredamento dello spazio con scambio continuo di saperi e tecniche di ciappineria oltre i ruoli di genere.

Giovedì 9 marzo

7.00-9.00 Favolosa Colazione

Pulizia, sistemazione dello spazio, altri eventi da comunicare

18.30-20 Yoga

20 Assemblea consultoria

Partiranno fra il 9 e il 12 marzo:

(giorno/orario da definire)

Gruppo su sessualità e relazioni gay

Un gruppo in cui interrogarsi sul genere, ciascun* a partire dal proprio!

Gruppo piacere, pratiche sessuali, anticoncezionali e altre tecnologie

Workshop pratico per elettriciste DIY riservato a donne, lesbiche, frocie e trans*.

Autoformazione su HIV (non solo per persone HIV+, perchè a tutt* può capitare di diventare sieropositiv* o di voler accompagnare un amic*/amante/(s)familiare sieropositiv*)

Inoltre:

Sabato alle 17: ProjecteUter -Storia allegorica dell’aborto- Un progetto di disegno a più mani e più teste, realizzato da Carles G.O’D. e Tonina Matamalas (Grazie a F’art che ha deciso di spostare l’evento alla Consultoria in solidarietà)

giorno e orario da comunicare: Incontro dell’Assemblea Antisessista Permanente, Installazione dell’archivio queer e del centro di ricerca permanente “Alessandro Zijno”

LottoMarzo chi rimane a casa?

Dalle 9.30 alle 14 e dalle 17.30 alla fine del corteo chiediamo ai compagni etero di venire a presidiare lo spazio insieme a una piccola delegazione delle occupanti transfeministe, per permettere alla maggior numero di noi di partecipare a #Lottomarzo.

Questo appello non è rivolto ai compagni in quanto uomini cis eterosessuali, ma agli attivisti che vogliono “scioperare” dalle forme abituali della loro militanza e cooperare affinchè le transfemministe possano essere in piazza per #Lottomarzo

Martedì alla consultoria transfemminista…

Continuano le giornate di autogestione alla Consultoria Transfemminista Queer verso e oltre Lottomarzo!!

dalle 7.00
Favolosa colazione ribelle

Dalle 10.30
GRANDE SPOLVERO Party:
Porta scope, palette, mascherine e aiutaci a pulire indossando i nostri esclusivi modelli haute Couture rusco’

Alle 15.30

*Costruzione cartelli per lo sciopero e il corteo del #LottoMarzo

*Elaborazione delle domande dell’autoinchiesta da portare la mattina dell’8 Marzo per la Salotta/Consultoria in piazza

 

Alle 18
Assemblea plenaria su: Giornata dell’8 marzo, Programmazione delle attività della consultoria dei prossimi giorni, varie.

A seguire chiacchiere, birrette e a dormire presto che Lotto Marzo ci aspetta!

 

Scarabocchio di report/promemoria parziale dei contenuti dell’assemblea di ieri, che possono essere di ispirazione per slogan/cartelli/messaggi/azioni performative per l’8 e per laboratori da fare alla consultoria nei giorni successivi:

 

Lunedì alla consultoria transfemminista…

Tutto il giorno: Infoshop  su Sessualità, Salute, Ormoni, Autogestione della salute, Precarietà, Contrasto alla violenza maschile, di genere e del genere.

ore 7-9: favolosa colazione

ore 13.30 circa: Pranzo

A seguire: Pulizie e allestimento

ore 18.00 Assemblea per progettare le prossime attività della consultoria

Cercheremo di aggiornare tempestivamente il blog, ma seguiteci anche su FB: Consultoria TransFeminista Queer e soprattutto venite e partecipate!

Siamo in via Menarini 1.G (Porta Lame), Bologna.

La Consultoria TransFemminista Queer di Bologna prende spazio

[scarica qui il volantino in PDF con la sintesi di questo comunicato]

Da anni resistiamo alla violenza maschile, di genere e del genere singolarmente nelle case e nello spazio pubblico; negli spazi sociali autogestiti ci siamo costituite in gruppi, collettivi e branchi, ci siamo interconnesse e abbiamo iniziato a praticare altre forme di vita, relazione, sessualità che non riproducono il maschile egemonico, l’eterosessualità obbligatoria, il binarismo cisgenere, la coppia romantica, la famiglia riproduttiva.
Siamo transfemministe, trans*, lesbiche, froce e da oggi rendiamo visibile e mettiamo a disposizione di tutt* una consultoria transfemminista frocia verso lo sciopero femminista globale del Lotto Marzo, risocializzando uno spazio di proprietà pubblica vuoto da anni, destinato a essere svenduto e alienato a privati senza un progetto qualificante per la città, mentre si spacciano per riqualificazione urbana lo sgombero degli spazi sociali, la cementificazione e la gentrificazione che creano solo deserto sociale a favore di interessi speculativi.
Come per le altre esperienze di consultorie autogestite e queersultorie in altre città, non si tratta di un presidio sanitario o di un servizio, ma di un luogo di autorganizzazione in cui occuparci della nostra salute e dei nostri corpi a partire dal piacere, dal desiderio e dalla tra(n)sformazione e non dalla malattia e dalla “funzionalità” da ripristinare o dal controllo biomedico dei corpi e della riproduzione.

Vogliamo scambiarci informazioni ed esperienze.
Vogliamo socializzare pratiche diffuse sul consenso e sulla condivisione di responsabilità rispetto a violenza maschile e molestie.
Vogliamo parlare delle malattie professionali delle precarie e della prevenzione e gestione delle malattie sessualmente trasmissibili che non sono un segreto, una colpa o una punizione.
Vogliamo organizzare la lotta per servizi sanitari efficienti e non più incentrati sull’eterosessualità e sulla maternità obbligatoria, perchè siamo stufe di medici obiettori, di chi ci colpevolizza se vogliamo abortire o prendere la pillola del giorno dopo, stufe di un sistema che infantilizza le/i trans.
Vogliamo lottare al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori del sistema sanitario pubblico che vogliono trasformarlo insieme a noi.
Vogliamo uno spazio in cui discutere in modo orizzontale di sesso, di emozioni, di salute, di come stiamo, delle relazioni fra i generi e di come (dis)educarci alle differenze, alle identità gerarchizzate e naturalizzate; uno spazio per praticare il diritto alla trasformazione personale e politica; dove affermare il senso profondo della nostra legittimità a godere quando, come e con chi vogliamo, anche se ci hanno insegnato che la nostra sessualità è al servizio di quella maschile; la legittimità a esistere e ad affermare il genere che sentiamo più consono ai nostri desideri a prescindere dal sesso anatomico e a ricorrere alle tecnologie che desideriamo per cambiare o non cambiare i nostri caratteri sessuali.

Dalla consultoria transfemminista queer vogliamo organizzare le lotte per il reddito di autodeterminazione, per uscire dalla precarietà e rivendicare il diritto al benessere sociale.
Dalla consultoria prepariamo lo sciopero globale delle donne e lo sciopero dei e dai generi dell’8 marzo organizzato da Non Una di Meno, perché è un percorso in cui abbiamo intrecciato le lotte con tante e tant* unendoci oltre le differenze per convergere verso obiettivi comuni.

Questa è la nostra forma di sciopero, perchè ci è impossibile scioperare in forma classica dato che le tutele e diritti del lavoro non sono mai esistiti o sono saltati completamente per molte di noi, perché ci è impossibile individuare una forma puntuale di sciopero dei e dai due generi obbligatori e normativi e lo intendiamo piuttosto come pratica quotidiana.
Ci prendiamo questo spazio e questo tempo, sottraendolo al lavoro precario, al lavoro di cura, al lavoro gratuito di produzione del genere, alla messa a valore e sfruttamento della nostra favolosità, perché lo sciopero non sia solo sottrazione, ma momento istituente di nuove infrastrutture sociali, di forme di welfare dal basso a partire da una mappatura autogestita di tutti quei bisogni ‘imprevisti’, che non rientrano nelle griglie burocratiche delle istituzioni.
La consultoria transfemminista queer è un’infrastruttra per lo sciopero permanente dei e dai generi, un luogo dove ripensare la disidentificazione delle singolarità dai generi obbligatori in forma collettiva, un luogo tutto per sé, autonomo e autogestito, dove far proliferare la produzione di maschilità e femminilità contro-egemoniche e sospendere la riproduzione di Donne e Uomini eterocis, una zona autonoma permanente che renda visibile che un’altra vita è possibile, che rifiutare i ruoli naturalizzati è desiderabile e che la posizione di soggetto maschile egemonico e di femminilità complementare non sono più sostenibili socialmente. Troppo alto il prezzo da pagare in termini di violenza, esclusione delle altre soggettività, complicità con la governance e il comando neoliberale.

Invitiamo tutte/i/* coloro che condividono questi bisogni e mettono al centro la lotta contro il sessismo e la violenza maschile a partire da sé, dal proprio vissuto e dalla decostruzione dei propri privilegi, a sostenere la Consultoria transfemminista queer e a partecipare all’assemblea di apertura oggi, 5 marzo 2017, alle 18 in via A. Menarini (incrocio via Azzogardino), ad allargare il processo per portarlo nella piazza Lottomarzo e oltre.

Consultoria TransFemminista Queer Bologna